Domanda:
Perché gli angoli del mio oggetto in ABS si sollevano dal letto?
Kevin Morse
2016-01-13 02:40:43 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Stampa l'ABS su una LulzBot Taz 5 e spesso ho problemi con gli angoli degli oggetti che si sollevano dal letto.

Il mio estrusore è a 230 ° C e il letto è a 90 ° C per il primo strato e 100 ° C per il resto degli strati.

Ho sperimentato l'utilizzo di impasto ABS (ABS + acetone) sul letto per una maggiore adesione, costruendo un involucro di schiuma per la stampante e variando la ventola velocità. Ho notato che il problema è più comune quanto più alte sono le parti e più affilato è l'angolo.

L'aggiunta di liquame ABS ha aiutato le parti più piccole (alte meno di un pollice) ma con le mie parti più grandi più recenti l'adesione al letto era così bello che gli angoli della parte che si sollevavano in realtà staccavano il nastro PEI dal letto.

Ho provato a usare sia una gonna che una tesa senza modifiche. La gonna rimane sul letto, la falda si solleva con l'angolo.

TAZ 5 non ha il nastro PEI?
Correggi scusa. Stavo solo usando Kapton al lavoro, quindi avevo questo in mente.
Quale percentuale di riempimento stai usando? La regolazione della percentuale di riempimento della stampa dovrebbe alterare la velocità di raffreddamento e quindi le sollecitazioni generate dalle differenze di temperatura durante la stampa.
50% Immagino che si possa dire lo stesso del rallentamento della stampa ???
Il 50% è piuttosto alto. Uso spesso il 10-15% e la stampa è ancora molto robusta, anche con un solo guscio.
Undici risposte:
#1
+18
tbm0115
2016-01-13 04:01:43 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Esistono molti approcci diversi per risolvere questo problema e la maggior parte delle risposte è già azzeccata. Tuttavia, la ragione fondamentale per la "deformazione" è la temperatura errata e incoerente nel materiale.

Se c'è troppa fluttuazione nella temperatura attraverso l'oggetto in questo stato di riscaldamento può provocare deformazioni. Il motivo per cui si vede questo principalmente sulla piastra di costruzione è perché la temperatura dei primi pochi strati di plastica fusa varia molto di più rispetto alla piastra di costruzione rispetto a strati superiori. Tieni presente che puoi vedere ulteriori deformazioni a metà stampa utilizzando l'ABS e questo può essere il risultato di una corrente d'aria o di un improvviso calo della temperatura ambiente.

Quindi, per aiutarti a risolvere il tuo problema, ecco alcuni suggerimenti (scusate se ci sono duplicati):

  • Completamente racchiudi / sigilla l'area di costruzione della tua macchina per ridurre (o eliminare se possibile) correnti d'aria ed evitare che il calore naturale della macchina fuoriesca.
  • Aumenta la temperatura sulla piastra di costruzione. Uso quasi esclusivamente l'ABS sulla mia stampante e mantengo il mio HBP a circa 112 ° C. Tuttavia, vivo nel nord-ovest degli Stati Uniti, quindi il mio clima è naturalmente più fresco rispetto alla Florida.
  • In alternativa, prova a ridurre la temperatura dell'ugello a un punto più basso all'interno della fusione dell'ABS gamma. Ciò ridurrà solo il divario tra le incoerenze di temperatura tra gli strati. In genere è meglio stampare a temperature più basse se puoi evitarlo. Ovviamente ci sono differenze nel filamento, quindi dovrai trovare quel "punto ideale".
  • Assicurati che la piastra di costruzione sia piatta e il nastro non abbia bolle. La tua pressione arteriosa piatta dovrebbe essere un gioco da ragazzi, ma se il tuo nastro kapton (o qualunque cosa usi) ha delle bolle, la tua plastica appena stampata potrebbe non avere la stessa temperatura dalla pressione sanguigna del resto della tua parte. Questa è una brutta cosa come accennato in precedenza.
  • Utilizza tecniche di adesione aggiuntive come "Colla ABS" (ABS con acetone) o anche lacca per capelli. Questo funziona circa l'80% delle volte per me, ma può rendere un po 'difficile rimuovere le parti dal BP.
#2
+10
amra
2016-01-13 03:54:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il problema più comune con gli angoli è la bassa temperatura del letto riscaldato. Imposta la temperatura del letto riscaldato a 110 °. Se questo non aiuta, prova a impostare brim nel tuo slicer.

Il problema può essere causato da altri problemi. Puoi trovare ulteriori suggerimenti nelle seguenti Guide alla risoluzione dei problemi:

#3
+8
VirtualMichael
2016-01-13 03:25:53 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L'aggiunta di una tesa aggiunta manualmente con una massa maggiore alle estremità degli angoli che puoi tagliare dopo la stampa dovrebbe aiutare. Le mie stampe più grandi escono dalla stampante e sembrano tende con pesi di cemento legati agli angoli.

I "pesi" sono attaccati alla stampa da uno strato molto corto di 2-3 strati (a seconda delle dimensioni di stampa). come una striscia che li rende facili da rimuovere utilizzando le taglierine laterali. I "pesi" di solito sono sufficienti per mantenere gli angoli della mia stampa target sulla lastra insieme a un impasto debole.

#4
+7
hroncok
2016-01-13 03:09:01 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questo è un problema comune con l'ABS. Potresti prevenirlo racchiudendo la stampante all'interno di una scatola / camera: ciò creerà un ambiente più caldo e il materiale estruso si raffredderà più lentamente, quindi non creando tale tensione.

Un'altra opzione è usare il PLA invece, se possibile, il problema non è così significativo con PLA.

Ho racchiuso l'intera stampante in un "forno" di schiuma. Fa abbastanza caldo dentro.
e il problema esiste ancora?
#5
+5
WalterV
2016-01-13 03:02:19 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La soluzione che preferisco per prevenire il ritiro dell'ABS è usare il nastro blu sul letto, quindi stendere un sottile strato di acetato di polivinile (colla Vinavil).

Se la tua stampante lo consente, puoi anche stampare con il piano a 110 ° C.

Come accennato nella domanda. Ho usato un impasto di ABS per mantenere la parte attaccata al nastro Kapton sul letto e il sollevamento è stato così forte che ha staccato il nastro dal letto. Immagino di cercare di più per i motivi per cui la parte sta tirando su in primo luogo.
Il nastro blu non è nastro Kapton. È un nastro adesivo con resistenza al calore.
#6
+4
Demis
2016-07-04 00:12:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Per rispondere alla domanda specifica del "perché" gli angoli si sollevano, sembra che abbia a che fare con l'espansione termica (o restringimento) e l'area di adesione superficiale.

Il materiale si deposita a caldo e anche dopo che si è raffreddato è ancora caldo, e mentre si raffredda apparentemente si restringe leggermente di dimensioni. Ogni strato produce quindi un po 'di forza, tirando verso l'alto e verso il centro dello strato mentre lo strato si restringe. Quindi ogni strato è in realtà in uno stato di leggera tensione di trazione. Su pochi strati ciò potrebbe non causare un effetto evidente, ma man mano che vengono aggiunti più strati, la forza totale che tira sullo strato inferiore aumenta.

Il motivo per cui questo influisce sugli angoli più delle regioni della superficie sfusa è che la superficie totale che tiene la parte al letto è più piccola negli angoli più acuti, quindi è necessaria meno forza per vincere la forza di adesione del letto, provocando il distacco degli angoli alla fine.

Poiché si tratta di un artefatto dell'espansione termica, il tentativo di mantenere una temperatura uniforme attraverso il volume di stampa / parte stampata probabilmente aiuterà molto (ad esempio, racchiudendo la stampante, come altri hanno detto).

Oltre ai suggerimenti precedenti, il documento seguente suggerisce che smussare (arrotondare) gli angoli può aiutare in questo (se il tuo progetto lo consente):

D. D. Hernandez, "Fattori che influenzano la precisione dimensionale della stampa 3D dei consumatori", Intl. Jnl. Aviation, Aeronautics and Aerospace (2015)

"Se lo strato inferiore non aderisce adeguatamente al piano di stampa, il processo di raffreddamento e il restringimento del materiale negli strati sopra di esso tenderanno a tirare alle caratteristiche più piccole, con la minima superficie a contatto con il letto, provocando la deformazione di sezioni della stampa. Gli angoli acuti nella parte inferiore della stampa rappresentano un problema particolare. "

Pensiero laterale: Mi chiedo se la variazione della temperatura del letto durante la stampa (ad esempio, riducendola lentamente a temperatura ambiente man mano che vengono stampati più strati) sarebbe d'aiuto, poiché una temperatura del letto costante produrrebbe teoricamente un gradiente termico verticale per una parte molto alta. Non credo di aver visto nessuno provarlo (presumibilmente perché Cura non inserisce automaticamente quei comandi g-code per noi). Tuttavia, non sarebbe troppo difficile inserire comandi personalizzati per la temperatura del letto nel file g-code, ma richiederebbe più tempo per stabilizzare la temperatura tra i livelli.

#7
+4
Diesel
2017-04-08 22:48:56 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In risposta alla domanda "perché gli angoli si sollevano quando si utilizza l'ABS", la risposta ha a che fare con il coefficiente di espansione termica (o contrazione).

L'ABS, rispetto al PLA, ha un coefficiente più alto significa che al variare della temperatura della parte, più la parte si deformerà. Con la stampa 3D, il materiale estruso dall'ugello è leggermente più alto della camera di costruzione. Quando gli strati vengono stampati e l'estrusore si sposta verso l'alto, gli strati più bassi sono più freddi degli strati superiori e si restringono col passare del tempo.

Per le parti angolari questo è un problema più grande che per le parti rotonde. Con le parti angolari (parti con spigoli vivi sugli assi X e Y) mentre si raffreddano, le sollecitazioni interne indotte dal raffreddamento aumentano e non possono essere risolte solo sull'asse xy e non possono spostarsi nella piastra di costruzione. La parte quindi si solleva per ridurre queste sollecitazioni.

Un bordo o una zattera, è uno strato sottile che idealmente si raffredda a una velocità costante attraverso l'esterno, aumentando efficacemente l'adesione della parte alla piastra di costruzione. Il legame tra addominali e addominali è più forte del legame con gli addominali su qualsiasi superficie del materiale della piastra di costruzione. Per la maggior parte delle parti questo è sufficiente per mantenere una buona adesione mentre la parte si costruisce e si raffredda. Aumenta la temperatura della piastra di costruzione e riduce anche lo stress nell'orlo / zattera riducendo la differenza di temperatura. Questo è il motivo per cui queste sono le soluzioni ideali per impedire agli addominali di sollevarsi.

Se la tua parte è abbastanza grande o gli angoli sono abbastanza acuti in XY, (pensa a una stella a cinque punte per esempio). Quindi la zattera a tesa non sarà necessariamente sufficiente per prevenire la deformazione. Ecco dove "dischi di supporto" "orecchie da topo" ecc. Sono utili. Questi, quando dispersi attorno agli angoli acuti esterni, aumentano la superficie della zattera e riducono anche gli angoli di contrazione termica dovuta al raffreddamento.

Tieni presente che mentre parlo specificamente dell'ABS, questo si applicherà a tutti i materiali se la geometria della parte o le proprietà del materiale hanno gli stessi problemi. Il nylon, ad esempio, è anche un problema da stampare per ragioni simili.

L'ultima cosa da dire è che tutto se questo è inutile se la tua piastra di costruzione non è sia piatta che livellata.

#8
+2
Eric Johnson
2016-01-13 05:01:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Consiglierei di utilizzare una zattera sulla tua stampa. Una zattera è costituita da pochi strati che vengono stampati sul letto prima dell'inizio della stampa.

Più grande sarà la zattera, più forte sarà il suo centro. I bordi potrebbero deformarsi, ma l'interno dove si trova la stampa andrà bene. L'utilizzo di una zattera composta principalmente da linee invece che da superfici solide consentirebbe minori possibilità di deformazione poiché potrebbe deformarsi solo con le linee.

enter image description here

#9
+2
EvilTeach
2017-04-08 06:35:42 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Un altro approccio consiste nel mettere le orecchie del topo su tutte le parti degli angoli, che poi ritaglierai dalla stampa.

Vedi Le orecchie del topo sconfiggono il mostro curling degli angoli.

#10
+1
StarWind0
2016-06-16 18:46:01 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Penso che tu abbia risposto alla tua domanda nella tua dichiarazione. Lulzbot e ABS. Lulz non ha un recinto.

Prova a utilizzare PLA per un sistema all'aperto. O costruisci un recinto. Di seguito puoi aggiungere colla o lacca per capelli.

Ma ti prometto, con qualsiasi stampante all'aperto, affronterai questo problema. Uso solo l'ABS sui miei FFCP. Anche con le loro camere termiche passive ho intenzione di passare al PLA per tutte le mie stampanti.

#11
+1
0scar
2018-05-28 16:23:38 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questo post ha lo scopo di condividere l'esperienza con i prodotti che fanno aderire i tuoi prodotti al letto. Questa non vuole essere una promozione dei prodotti! In altre risposte ho visto risposte che accennavano ai bastoncini di colla di Elmer.

Ho stampato direttamente sul piano riscaldato in alluminio dal giorno 2 della stampante i3 Prusa clone (Anet A8) e i letti di vetro della Ultimaker 3 Extended e il mio HyperCube Evolution utilizzando uno spray a base di PVA (3DLAC, ma ci sono più prodotti con effetti simili, ad esempio stick di colla). Questo si attacca così bene che PLA e PETG possono essere rimossi solo dopo aver raffreddato completamente il letto. Per l'ABS è possibile utilizzare DimaFix che può essere utilizzato per l'ABS poiché aumenta la presa con l'aumentare della temperatura dove 3DLAC perde aderenza oltre gli 80 ° C (secondo la teoria). Dopo aver provato DimaFix su letti ad alta temperatura per la stampa di filamenti POM (molto difficile da attaccare perché si tratta di materiale per cuscinetti!), Ho scoperto che le stampe aderiscono meglio con 3DLAC su vetro.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...