Domanda:
È possibile utilizzare una comune stampante 3D per stampare maschere per PCB che utilizzano componenti SMD?
Ronan Paixão
2016-01-18 18:28:30 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le comuni stampanti 3D (leggi "economiche") possono essere utilizzate per stampare maschere per PCB (circuiti stampati) che utilizzano componenti PTH (through-hole).

Ma possono essere usate per stampare PCB che utilizzano componenti SMD? Vorrei realizzare schede almeno per chip SMD simili ad Arduino.

Ho notato che la tua domanda ha poche risposte disponibili ed è aperta da un po ', solo curioso di sapere se una delle risposte disponibili è stata in grado di aiutare. In caso contrario, quali domande hai ancora?
Entrambe le risposte riguardano la stampa dei circuiti effettivi, mentre la domanda riguarda la stampa di maschere su PCB comuni che verrebbero quindi corrose. Forse ho bisogno di riformulare la mia domanda per renderlo più chiaro?
Sì, questo aiuterebbe. Non penso che tu debba riformulare la tua domanda, ma forse aggiungi solo quella nota. Inoltre sembra che @TextGeek abbia menzionato il mascheramento in un commento che potrebbe aiutare.
C'è un motivo per cui non è possibile utilizzare lastre di rame fotoreattive ed esporle alla luce con un lucido stampato? Le stampanti a getto laser desktop possono generalmente stampare direttamente su lucidi per generare fotomaschere. Questi possono produrre circuiti abbastanza dettagliati ma potrebbe essere necessario controllare le specifiche.
Due risposte:
#1
+3
TextGeek
2016-01-19 20:49:14 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Oltre ai problemi termici sollevati da Tormod, c'è un problema di conduttività. Gli attuali filamenti conduttivi sono molto meno conduttivi del rame. La perdita di potenza potrebbe essere sufficiente per influire sulla funzionalità. Inoltre, la potenza persa va al calore, aggravando i problemi termici.

Per i materiali sfusi, la "resistività di volume" viene misurata in "Ohm-cm", che è la resistenza di un cubo di 1 cm del materiale, misurato da un'intera faccia all'intera faccia opposta (vedere https://en.wikipedia.org/wiki/Electrical_resistivity_and_conductivity).

Il rame ha una resistività di volume di circa 1,68 micro Ohm-cm.

Il filamento PLA conduttivo proto-pasta sostiene 15 ohm-cm ( http://www.proto-pasta.com/pages/conductive-pla). Functionalize F-Electic ™ dichiara 0,75 ohm-cm ( http://functionalize.com/about/functionalize-f-electric-highly-conductive-filament/).

Stampa esso stesso aumenta significativamente la resistività. La proto-pasta dichiara 30 ohm-cm lungo X e Y, 115 lungo Z. Più intuitivamente, ogni cm di lunghezza di una traccia stampata larga 2,5 mm, spessa 0,4 mm, dovrebbe aggiungere diverse centinaia di ohm con la proto-pasta, o diverse decine di ohm con la F-elettrica. Potrebbe essere sufficiente per importare.

Probabilmente vale la pena ricordare che esiste una stampante PCB specializzata (la "Voltera") che utilizza inchiostro conduttivo (costoso) e può anche erogare pasta saldante: http://www.computerworld.com /article/2885188/3d-circuit-board-printer-a-smash-hit-on-kickstarter.html

Immagino che il pre-calcolo della resistenza di un conduttore stampato possa essere una scienza in sé, il che significa che potrebbe essere difficile usare la protopasta per qualsiasi cosa complicata!
-1
La domanda riguarda la stampa di maschere, non la stampa diretta dei circuiti. Questa è una buona risposta sui circuiti di stampa ma non sulle maschere di stampa. -1
#2
+1
Tormod Haugene
2016-01-18 19:08:37 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In teoria, immagino che tu possa, ma ci sono alcune considerazioni pratiche che potrebbero richiedere qualche riflessione:

Se hai una stampante desktop con più estrusori, potresti probabilmente stampare con entrambi conduttivo e un filamento strutturale , e quindi costruire circuiti in 3D.

Una preoccupazione sarebbe i punti di fusione bassi della maggior parte dei filamenti stampati in 3D, dal momento che si dovrebbe limitare il calore generato dai componenti montati e dalle connessioni in modo che la struttura della "scheda" non si sciolga.

Anche il montaggio dei componenti sulla scheda differirebbe da un normale PCB, poiché bisognerebbe collegare i componenti con il filamento conduttivo senza fondere la struttura della scheda. In altre parole, probabilmente dovresti usare un filamento conduttivo come "saldatura" e fondere i componenti in posizione.

La possibilità di utilizzare strumenti tipici utilizzati per il montaggio di componenti SMD con filamenti conduttivi come saldatura è al di là della mia conoscenza.

Questa è sicuramente una soluzione facile con un multi-estrusore e / o un firmware / slicer aggiornato che supporta gli arresti del filamento a metà stampa.
Non intendo stampare l'intera scheda da zero con un filamento conduttivo, ma stampare una ** maschera ** di filamento sopra un PCB standard. La maschera consentirebbe (se possibile) la corrosione del rame PCB mediante un processo di fabbricazione PCB standard, lasciando le tracce di rame dove le maschere le proteggono. Sono preoccupato se la maschera si attaccherebbe e se consentisse tracce sottili necessarie per i componenti SMD.
Ahh, scusa, non avevo capito che era quello che volevi dire. C'è un rapporto di qualcuno che usa il filamento NinjaFlex come maschera su PCB standard, che dice che aderisce bene al rame, a differenza di altri filamenti. http://3dprint.com/11367/3d-print-copper-circuit-board/ Oppure si potrebbe sostituire una taglierina laser per la testa dell'estrusore e sottrarre il rame direttamente ... :)


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...