Domanda:
Quali sono i materiali per alimenti e come li riconosco?
Dawny33
2016-01-13 11:44:21 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quali materiali comunemente usati nella stampa 3D sono sicuri per gli alimenti?

Esistono processi di certificazione / classificazione per tali materiali che possono aiutarmi con la mia croce -controllo e selezione?


Ho utilizzato una stampante FDM.

Considera l'idea di restringere la tua domanda menzionando il tipo di stampante con cui stai lavorando.
@TomvanderZanden Sto usando una stampante FDM, quindi è possibile stampare tali materiali con questa stampante? Se sì, modificherei la mia domanda :)
Dovresti modificare la tua domanda a prescindere.
Ciao @Dawny33, Ho notato che la tua domanda è stata sollevata da un po 'di tempo. Una delle risposte seguenti è stata in grado di risolvere la tua domanda? Se è così, ti dispiacerebbe accettare la risposta appropriata. In caso contrario, cosa manca in modo che possiamo aiutarti ulteriormente? Inoltre, se l'hai capito da solo, puoi sempre rispondere e accettare la tua soluzione. Grazie.
Correlato, ma per una macchina specifica e basato sulla certificazione di sicurezza alimentare: https://3dprinting.stackexchange.com/questions/6937/ender-3-is-capable-of-food-safe-printing/6941#6941
Quattro risposte:
#1
+20
Tom van der Zanden
2016-01-13 12:39:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La sicurezza alimentare è una proprietà sia del processo che del materiale. Non puoi attaccare materiale adatto agli alimenti in una stampante che è stata precedentemente utilizzata per stampare qualcosa di pericoloso per gli alimenti e aspettarti che il risultato sia adatto agli alimenti.

L'unico modo per sapere se un determinato materiale è cibo -è sicuro chiedere al tuo fornitore, ma molto dipende da come lo elabori. Ad esempio, le stampanti FDM hanno spesso ugelli in ottone, che contengono piombo. Per stampare materiali adatti agli alimenti, è necessario utilizzare un ugello in acciaio inossidabile.

I materiali adatti agli alimenti possono essere identificati mediante un simbolo universale.

Inoltre, per garantire la sicurezza alimentare di un modello stampato in 3D potrebbe essere necessario elaborarlo ulteriormente (ad esempio, levigando a vapore o rivestendo con una vernice per alimenti). Su Internet circolano alcune affermazioni secondo cui i modelli stampati in 3D potrebbero avere una porosità superficiale in cui i batteri possono crescere, ma non sono stato in grado di trovare una fonte affidabile per questa affermazione. Tuttavia, devi essere cauto.

Grazie per aver risposto. Esistono norme ufficiali per la valutazione in base alle quali posso essere sicuro? (invece di fare affidamento sulle parole del fornitore)
Da quello che ho visto, non puoi davvero presumere che una parte stampata in 3D sia sicura per gli alimenti quando si stacca dalla stampante, anche se stai usando un filamento sicuro per gli alimenti. La parte migliore di questa risposta è il paragrafo finale. ** Utilizzare una vernice per alimenti o un altro rivestimento per alimenti. ** Se l'oggetto è completamente ricoperto da una vernice per alimenti, allora è adatto per alimenti, indipendentemente da ciò che si trova sotto la vernice.
@ScottLemmon - "indipendentemente da ciò che si trova sotto" ha una dipendenza nascosta da "a condizione che lo strato di vernice sia intatto". Non mi fiderei esclusivamente della lacca, preferirei usarla come precauzione extra oltre a materiale presumibilmente adatto agli alimenti ...
@mac, il punto è che FDM non è un processo sicuro per gli alimenti (almeno con qualsiasi stampante di consumo) indipendentemente dall'ugello e dal filamento che usi. * DEVI * usare un sigillante di qualche tipo per isolare completamente il cibo dalla superficie della stampa per garantire la sicurezza alimentare. Non è una precauzione in più, ma un requisito. Questo perché FDM è poroso, il che lascia prosperare i batteri delle aree, anche con i metodi di pulizia più rigorosi.
@ScottLemmon - Le persone hanno mangiato e bevuto da oggetti in legno per millenni (che è molto più poroso e offre materiale organico per la crescita di batteri, funghi e alghe) ... eppure la maggior parte delle specie di legno sono materiali sicuri per gli alimenti (ri: taglieri) . Ho capito cosa intendevi, naturalmente, volevo dire che non avrei mangiato da un piatto di piombo anche se rivestito con la più avanzata delle lacche! :)
Haha. Punto preso. Idealmente, ogni parte del processo è sicura per gli alimenti.
#2
+9
Adam Davis
2016-01-13 19:33:31 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sostanze a contatto con gli alimenti

Esistono agenzie di regolamentazione nella maggior parte dei paesi sviluppati che regolano i contenitori per alimenti. Negli Stati Uniti, la Food and Drug Administration (FDA) regola le sostanze a contatto con gli alimenti (FCS) che sono materiali che vengono a contatto con gli alimenti durante la produzione, la fabbricazione, lo stoccaggio, l'imballaggio e l'uso.

Hanno molti elenchi di FCS che sono approvati per l'uso, generalmente riconosciuti come sicuri, regolamentati, limitati o comunque già valutati e per i quali hanno raccomandazioni.

Spetta al produttore per garantire che FCS sia sicuro, quindi la responsabilità spetta alla persona che esegue le stampe 3D. Se produci qualcosa che assomigli a una tazza e potrebbe essere confuso con una tazza, potresti essere responsabile di seguire queste linee guida.

Regolamento FDA degli Stati Uniti per ABS e PLA

La FDA ha una risorsa online per guidare i produttori attraverso questi elenchi, Determinazione dello stato normativo dei componenti di un materiale a contatto con gli alimenti.

All'interno di questo, ad esempio, troverai l'elenco dei materiali che sono additivi indiretti adeguatamente regolamentati, sotto i quali troverai dove sono elencati i polimeri, 21 CFR 177.

Parte 177, ADDITIVI ALIMENTARI INDIRETTI: POLIMERI

In particolare, PLA non è presente in questa sezione, o in qualsiasi altro elenco in cui ho cercato (ma una ricerca più approfondita potrebbe rivelarsi produttiva).

L'ABS è incluso qui, nella sezione 1020, che io ' ho citato di seguito. Tuttavia, dovrai determinare se il tuo produttore di filamenti segue questa formula ABS o meno per ciascun fornitore di ABS che utilizzi. Additivi, coloranti e altri ingredienti possono rendere un ABS specifico non sicuro per gli alimenti, secondo la FDA.

§177.1020 Copolimero acrilonitrile / butadiene / stirene. Acrilonitrile Il copolimero / butadiene / stirene identificato in questa sezione può essere tranquillamente utilizzato come articolo o componente di articoli destinati a utilizzare con tutti gli alimenti, ad eccezione di quelli contenenti alcol, nelle condizioni d'uso E, F e G descritte nella tabella 2 di §176.170 (c) di questo capitolo.

(a) Identità. Ai fini di questa sezione, il copolimero acrilonitrile / butadiene / stirene è costituito da:

(1) da ottantaquattro a ottantanove parti in peso di una matrice polimerica contenente da 73 a 78 parti in peso di acrilonitrile e da 22 a 27 parti in peso di stirene; e

(2) da undici a sedici parti in peso di una gomma innestata costituita da (i) da 8 a 13 parti di elastomero butadiene / stirene contenente da 72 a 77 parti in peso di butadiene e da 23 a 28 parti di peso dello stirene e (ii) da 3 a 8 parti in peso di un polimero ad innesto avente lo stesso intervallo di composizione del polimero matrice.

(b) Adiuvanti. Il copolimero identificato nel paragrafo (a) di questa sezione può contenere sostanze adiuvanti richieste nella sua produzione. Tali adiuvanti possono includere sostanze generalmente riconosciute come sicure negli alimenti, sostanze utilizzate in conformità con la precedente sanzione, sostanze consentite in questa parte e quanto segue:

Limitazioni sulle sostanze 2-Mercapto-etanolo Il copolimero finito non deve contenere più di 100 ppm di addotto di 2-mercaptoetanolo acrilonitrile come determinato da un metodo intitolato "Analisi della resina Cycopac per il β- (2-idrossietilmercapto) propionitrile residuo", incorporato per riferimento. Le copie sono disponibili presso il Bureau of Foods (HFS-200), Food and Drug Administration, 5100 Paint Branch Pkwy., College Park, MD 20740, o disponibili per l'ispezione presso la National Archives and Records Administration (NARA). Per informazioni sulla disponibilità di questo materiale presso NARA, chiamare il 202-741-6030 o andare a: http://www.archives.gov/federal_register/code_of_federal_regulations/ibr_locations.html. (c) Specifiche. (1) Il contenuto di azoto del copolimero è compreso tra il 16 e il 18,5 percento, come determinato dall'analisi Micro-Kjeldahl.

(2) Il contenuto residuo di monomero acrilonitrile degli articoli copolimeri finiti non è superiore a 11 parti per milione, come determinato da un metodo gascromatografico intitolato "Determinazione di acrilonitrile residuo e monomeri di stirene - Metodo standard interno gascromatografico", che è incorporato come riferimento. Le copie sono disponibili presso il Center for Food Safety and Applied Nutrition (HFS-200), Food and Drug Administration, 5100 Paint Branch Pkwy., College Park, MD 20740, o disponibili per l'ispezione presso la National Archives and Records Administration (NARA). Per informazioni sulla disponibilità di questo materiale presso NARA, chiamare il 202-741-6030 o andare a: http://www.archives.gov/federal_register/code_of_federal_regulations/ibr_locations.html.

(d) Limitazioni estrattive. (1) Gli estratti non volatili totali non devono superare 0,0005 milligrammi per pollice quadrato di superficie quando l'articolo finito a contatto con gli alimenti è esposto ad acqua distillata, acido acetico al 3% o n-eptano per 8 giorni a 120 ° F.

(2) L'articolo finito a contatto con gli alimenti deve produrre non più di 0,0015 milligrammi per pollice quadrato di monomero acrilonitrile se esposto ad acqua distillata e acido acetico al 3% a 150 ° F per 15 giorni se analizzato con un metodo polarografico intitolato "Estratto Acrylonitrile by Differential Pulse Polarography, che è incorporato per riferimento. Le copie sono disponibili presso il Center for Food Safety and Applied Nutrition (HFS-200), Food and Drug Administration, 5100 Paint Branch Pkwy., College Park, MD 20740, o disponibili per l'ispezione presso la National Archives and Records Administration (NARA). Per informazioni sulla disponibilità di questo materiale presso NARA, chiamare il 202-741-6030 o andare a: http://www.archives.gov/federal_register/code_of_federal_regulations/ibr_locations.html.

(e) I copolimeri acrilonitrile identificati in questa sezione devono essere conformi alle disposizioni del §180.22 di questo capitolo.

(f) I copolimeri acrilonitrile identificati in questa sezione non sono autorizzati a essere utilizzati per fabbricare contenitori per bevande.

[42 FR 14572, 15 marzo 1977, come modificato in 42 FR 48543, sett. 23, 1977; 47 FR 11841, 19 marzo 1982; 54 FR 24897, 12 giugno 1989]

Regolamentazione globale

L ' UE ha un database per questo, anche se senza esperienza specifica del settore sembra difficile da cercare. Ad esempio, invece di elencare l'ABS come elemento, elenca i tre monomeri che costituiscono l'ABS separatamente, quindi devi leggere separatamente la sezione Acrylonitrile, la sezione butadiene e le sezioni stirene per comprendere gli aspetti di sicurezza alimentare dell'ABS.

Ovviamente qualcuno si è preso la briga di analizzare tutte queste diverse normative in diversi paesi e ha creato un libro che riassume gran parte di ciò che puoi raccogliere dai singoli database, Legislazione globale per i materiali a contatto con gli alimenti JS Baughan ma non è una risorsa poco costosa e necessita di aggiornamenti costanti, quindi potrebbe essere necessario riacquistarlo ogni anno per stare al passo con la legislazione più recente in tutto il mondo. Tuttavia, sarebbe un utile riferimento e punto di partenza per uno spazio di hacking o una libreria per i produttori.

Conclusione

Tieni presente che si tratta di regolamenti formulati da enti governativi. Possono avere una base scientifica (e si spera che lo abbiano tutti) ma non sostituiscono i tuoi test e il tuo buon senso. Anche se segui queste normative, potresti comunque essere responsabile per eventuali oggetti non sicuri che crei.

#3
+8
Nir
2016-01-13 14:32:28 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ci sono 3 cose che potrebbero influire sulla sicurezza alimentare degli oggetti stampati in 3D:

  1. Il filamento: è adatto agli alimenti solo se lo dice sulla confezione (anche se la plastica è non tossico, non conosci il colore e altri additivi)

  2. L'hotend: l'hotend e l'ugello possono perdere metalli nel filamento, hai bisogno di qualcosa come un acciaio inossidabile pieno testa calda.

  3. E infine, gli oggetti stampati in 3D contengono piccoli fori in cui possono entrare i batteri, quindi nulla di stampato su una stampante FDM è adatto agli alimenti a meno che non sia rivestito con un materiale sigillante per alimenti ( tranne che per uso singolo)

Hai una fonte per il terzo reclamo? Notare che "hot head" non è la terminologia usuale, "hotend" è più comune.
@tom - grazie per la correzione. E fonti per il terzo reclamo: https://blog.pinshape.com/3d-printing-food-safe/ e http://forums.reprap.org/read.php?1,164077,168351
#4
+3
cmm
2019-06-23 18:26:25 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L'ho esaminato molto, sia dal punto di vista del mio uso personale, sia della vendita di articoli su Etsy.

Per quanto ne so, PLA e ABS sono entrambi generalmente sicuri.

La FDA elenca l'ABS e il PLA come plastiche sicure per il contatto con gli alimenti, sebbene alcuni pigmenti e additivi possano causare i propri problemi. L'ABS è generalmente sicuro (secondo la FDA) per il contatto con l'alcol. Non so perché.

Quindi, per mio uso, produco contenitori per vino, birra e cocktail in PLA e tazze da caffè in ABS.

Il PETG si ammorbidisce troppo con acqua bollente e non funziona per tazze da caffè e tè. Ho provato. Non funziona.

Fai attenzione se usi la levigatura dell'acetone sull'ABS. L'acetone entra nell'ABS e, anche dopo alcuni giorni di condizioni ambientali, la plastica può contenere abbastanza acetone da creare bolle nella plastica quando l'acetone bolle in risposta all'acqua calda. Avevo levigato pesantemente questa particolare tazza da tè. Forse, se fosse stato meno esposto ai vapori di acetone, avrebbe potuto far fuoriuscire l'acetone disciolto più velocemente.

Ho usato tazze da caffè in ABS non levigate per mesi senza problemi.

Lo farai leggi degli ugelli in ottone che contaminano la stampa con il piombo. Leggerai che le creste sono terreni di impanatura batterica. Questo potrebbe essere vero.

L'ABS è ancora una bella tazza da caffè per uso personale.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...